Adeguamento ISTAT del trattamento economico del personale dirigente della PS 2021

4915

Ultimo aggiornamento 27/02/2022

Recepimento dell’accordo contrattuale del personale firmato il 23 dicembre 2021 e adeguamento ISTAT del trattamento economico del personale dirigente della Polizia di Stato

Per quanto concerne l’adozione del Dpcm per il 2021, riguardante il contenuto dell’art. 24, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, secondo il quale la retribuzione delle categorie di personale non contrattualizzato è adeguata di diritto annualmente in ragione degli incrementi medi, utilizzati dal medesimo istituto per l’elaborazione degli indici delle retribuzioni contrattuali, precisiamo che a seguito della pressante e costante azione del Siulp il relativo provvedimento in questione sarebbe stato licenziato dalla Funzione Pubblica che l’ha inviato nei giorni scorsi al MEF. Siamo in attesa che sia trasmesso, per le verifiche del caso, alla Corte dei Conti.

Per precisione ricordiamo che, per quanto concerne il 2020, sulla Gazzetta Ufficiale n. 323 del 31 dicembre 2020 è stato pubblicato il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri datato 13 novembre 2020, emanato in applicazione della previsione contenuta nell’art. 2, comma 5, del decreto legge 7 gennaio 1992, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 marzo 1992, n. 216, come modificato dall’art. 24 della legge 23 dicembre 1998, n. 448. Il predetto provvedimento, all’art.1 comma 1, ha disposto, a decorrere dal 1° gennaio 2020, l’incremento del 1,17% degli stipendi.
Restiamo, pertanto, in attesa dell’aumento con gli arretrati dal 1° gennaio 2021.

Per quanto riguarda, invece, il recepimento dell’accordo sindacale e del provvedimento di concertazione per il personale non dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento civile e militare «Triennio normativo ed economico 2019-2021» ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera a), del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195, e successive modificazioni, abbiamo appreso che dovrebbe essere portato per la valutazione e l’approvazione al prossimo Consiglio dei Ministri.

Si resta in attesa di sviluppi che sono attentamente monitorati dal Siulp.

Advertisement