Cortei: SIULP, tutti gli agenti avranno microtelecamere su divisa

    32

    Romano, siano estese anche a Volanti – con spray al peperoncino  -55% scontri a Milano

    Roma, 4 nov. (AdnKronos) – Ma non solo. Al tavolo del Viminale,  infatti, ”si prenderà in considerazione anche l’utilizzo delle  cosiddette ‘armi non letali’, ovvero idranti, spray al peperoncino e  -in ‘extrema ratio’- l’utilizzo del manganello e dei lacrimogeni. Il  tutto -come hanno chiesto i sindacati- accompagnato dall’utilizzo  delle microtelecamere su tutti gli agenti che parteciperanno al  servizio”.

    L’appuntamento è per giovedì, alle 10, al Viminale. Al tavolo si ritroveranno i vertici del Dipartimento di Pubblica sicurezza e i  sindacati di Polizia per la discussione sulle nuove ‘regole di  ingaggio’ per gli agenti in servizio alle manifestazioni pubbliche. Il confronto, anticipa all’Adnkronos il segretario nazionale del Siulp,  Felice Romano, ”verterà sulle ‘fasce di sicurezza’, ovvero quella  zona franca che deve sempre rimanere tra gli operatori delle forze di  Polizia e i manifestanti, per evitare che ci possano essere scontri”.

    Il Siulp esprime invece ”perplessità sullo strumento  che si vuole utilizzare, ovvero un provvedimento di legge. Perché il  comportamento del singolo -chiarisce Romano- non potrà essere mai  sottratto al vaglio dell’autorità giudiziaria: anche se la norma  prescrivesse che si potesse usare il manganello se i manifestanti  forzassero il blocco, chi dà le manganellate non sarebbe comunque  esonerato dalla responsabilità penale personale”.

    ”Riteniamo sia impossibile -rimarca Romano- ipotizzare che una legge  stabilisca quando e in che misura utilizzare il manganello. Non vorrei che si abbia la sensazione di uno Stato che mostra i muscoli e può  colpire per legge, scatenando così nei professionisti del disordine la reazione di armarsi più delle forze dell’ordine”.

    ”Questo -conclude il Siulp- farebbe venire meno 30 anni di storia e  di lavoro che hanno portato la Polizia a gestire la piazza con il  dialogo e la condivisione, e non mostrando i muscoli”.

    ”Noi -spiega ancora Romano- chiediamo che l’utilizzo delle telecamere sia esteso anche alle Volanti e a tutto il personale che opera per il controllo del territorio. In questo modo -rimarca il leader del Siulp- sia il cittadino sia l’operatore di Polizia sanno che uno strumento sta videoregistrando tutto quello che accade”. Quanto alla sperimentazione dello spray al peperoncino, Romano sottolinea che ”è avvenuta a Milano, Roma e Napoli. Anzi, nel capoluogo lombardo, i dati indicano -55% di scontri in tutti interventi dove in passato si sono registrate situazioni di tensione”

    Advertisement