ENNESIMA AGGRESSIONE A OPERATORI DELLA POLIZIA DI STATO A BOLOGNA.

4109

ENNESIMA AGGRESSIONE A OPERATORI DELLA POLIZIA DI STATO A BOLOGNA. ROMANO (SIULP): “Ringraziamo il Ministro dell’Interno per le immediate parole di solidarietà per i colleghi, ma si cambino i protocolli operativi per garantire la sicurezza di tutti, a partire da quella dei poliziotti”. 

Ancora il Parco Don Bosco a Bologna. Ancora il Comitato di protesta “Besta”. E ancora violenza e scontri nella manifestazione svoltasi oggi contro l’abbattimento di alcuni alberi nel parco: a fine giornata, 8 poliziotti feriti. Pronte le parole del Ministro dell’Interno, cui fanno seguito quelle di Felice Romano, Segretario Generale del SIULP, il sindacato maggioritario del Comparto Sicurezza, Difesa e Soccorso Pubblico: “Ringraziamo il Ministro Piantedosi per la pronta solidarietà mostrata nei confronti dei poliziotti aggrediti e feriti a Bologna durante i violenti scontri scoppiati a seguito dell’intervento al parco Don Bosco di manifestanti tutti riconducibili al comitato di protesta Besta. Nel riaffermare che il diritto alla contestazione, se esercitato secondo i crismi sanciti dalla nostra Costituzione, è sacrosanto, non possiamo non sottolineare come ancora una volta tra i manifestanti che giustamente si lamentavano per una aspettativa legittima, probabilmente a cui tenevano molto, si sono mischiati quelli che noi del SIULP definiamo i professionisti del disordine. Ed immancabilmente sono arrivati gli scontri, la violenza, il sangue e i ricoveri. E’ bene che tutti sappiano che i modelli operativi adottati dal nostro Dipartimento sono tutti basati sul contenimento delle condotte anche violente, da parte dei manifestanti, i quali, evidentemente, superano anche quest’ultimo fardello per far sì che si sfoci nella violenza vera e propria. Che noi però siamo demandati a contrastare per la gestione dell’ordine e della sicurezza pubblica. Ma così non si può più andare avanti. Si deve al più presto giungere ad un tavolo di lavoro per nuovi modelli operativi”.

Roma, 20 Giugno 2024

Advertisement