Esito riunione commissione alloggi servizio personale inviato in missione

516

Ultimo aggiornamento 17/09/2015

4° RIUNIONE DELLA COMMISSIONE ALLOGGI DI SERVIZIO PER IL PERSONALE INVIATO IN MISSIONE (ART.22 A.N.Q)

 

Nella mattinata odierna presso la Direzione Centrale per gli Affari Generali della Polizia di Stato si è riunita per la quarta volta la Commissione mista, costituita con decreto del Capo della Polizia ai sensi dell’art 22 del nuovo Accordo Nazionale Quadro, per formulare proposte sui criteri d’idoneità degli alloggi di servizio per il personale in missione.

All’inizio della riunione sono stati consegnati i dati acquisiti da tutte le strutture territoriali dell’Amministrazione e trasmessi dal competente Servizio Tecnico Logistico del Dipartimento della P.S. alle OO.SS., riguardanti, tra tutti gli alloggi esistenti, quelli che hanno stanze libere e quindi utilizzabili, dotate di bagni interni, di riscaldamento, raffreddamento, superficie finestrata, dimensioni minime richieste, nonchè il numero complessivo di posti letto liberi e quindi, potenzialmente utilizzabili oggi per il personale inviato in missione, ancor prima del completamento dei lavori della Commissione e della definizione dettagliata dei criteri d’idoneità. Secondo tale rilevazione, allo stato attuale, il numero complessivo di stanze disponibili per tale necessità ammonterebbe a 360, con 631 posti letto.

Il SIULP, unitamente ai rappresentanti della altre sigle sindacali, ha ribadito quanto sostenuto nella precedente riunione del 12 gennaio scorso che, per individuare i criteri d’idoneità degli alloggi per il personale inviato in missione, si dovesse ineludibilmente fare riferimento al decreto 21 ottobre 2008 della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo, che definisce e regola gli standard minimi nazionali dei servizi e delle dotazioni per la classificazione degli alberghi delle varie categorie, in modo tale da adeguare le strutture dell’Amministrazione, adibite ad ospitare il personale in missione, ai requisiti previsti dagli alberghi della categoria (Hotel a quattro stelle) prevista per il personale di polizia.

Il SIULP, nell’occasione, ha altresì ribadito e sottolineato come gli alloggi dell’Amministrazione da utilizzare in questi casi, secondo quando previsto anche dalla circolare ministeriale del TEP nr.333-G/II.2624/02 datata 29 maggio 2012, oltre che essere esistenti e disponibili, debbano essere anche FRUIBILI e cioè, per poter ospitare il personale in missione devono rispondere ed essere garantiti gli standard necessari riferiti, allo stato, ai servizi e alle dotazioni previste per la categoria alberghiera di cui all’art 13 comma 2° del DPR nr.51/2009.

La richiesta già formulata e rinnovata SIULP nella riunione odierna, condivisa da tutte le sigle sindacali, è stata finalmente accolta anche dai rappresentanti dell’Amministrazione nella Commissione e, pertanto, sono stati definiti i seguenti criteri d’idoneità, assimilabili agli alberghi a quattro stelle, che dovranno avere gli alloggi di servizio destinati al personale da inviare in missione:

servizio di ricevimento assicurato 24 ore su 24; servizio di custodia in cassette di sicurezza singole nelle camere; presenza nella struttura almeno di servizio di distributore automatico di bibite e snack ; servizio di pulizia nelle camere una volta al giorno; cambio della biancheria da camera tutti i giorni, salvo diverse scelte del personale; cambio della biancheria da bagno tutti i giorni, salvo diverse scelte del personale; presenza nella struttura ricettiva di almeno una sala benessere per il personale attrezzata con almeno un bagno ad uso comune; tutte le stanze dotate di bagni privati interni nelle camere dotati di acqua calda e fredda; camera singola con una superficie minima di 9 metri quadrati al netto dei bagni privati; camera doppia con una superficie minima di 15 metri quadrati al netto dei bagni privati; per ogni ulteriore posto letto una superficie minima di 6 metri quadrati al netto dei bagni privati; per il bagno privato completo una superficie di 4 metri quadrati; ascensore per il personale obbligatorio per edifici superiori a due livelli; riscaldamento assicurato in tutte le aree effettivamente utilizzate; impianto di condizionamento d’aria nei locali comuni e regolabile dal personale nelle camere a quote altimetriche inferiori a 500 metri s.l.m; dotazione delle camere: arredamento base (letto con comodino o piano di appoggio per ogni posto letto, sedia o altra seduta per letto, tavolino, armadio, specchio, cestino, punto luce su comodino; sgabello o ripiano apposito per bagagli, televisore, cassetta di sicurezza in tutte le camere; dotazione dei bagni privati completi: lavabo, wc, bidet, vasca o doccia, asciugamani e teli bagno in numero adeguato agli ospiti, tappetino, oggettistica e materiale d’uso per l’igiene della persona, asciugacapelli, cestino rifiuti e sacchetti igienici.

Il SIULP ha, inoltre chiesto che venga garantita omogeneità, uniformità ed univocità di trattamento in merito alla sistemazione alloggiativa per tutto il personale della Polizia di Stato che viene inviato in missione a qualunque qualifica, o ufficio appartenga, anche alla luce della recente norma introdotta dall’art 4 comma 98 della Legge nr.183/2011 che, al riguardo non fa alcuna distinzione..

Il SIULP ha chiesto ancora che i criteri d’idoneità stabiliti dalla Commissione che dovranno avere gli alloggi dell’Amministrazione per consentire di ricevere il personale in missione, dovranno essere integralmente recepiti e omologati anche per quegli alloggi che ospitano il personale di polizia in missione e che sono di proprietà di enti o società convenzionate con la Polizia di Stato, attraverso la notifica agli stessi soggetti delle risultanze dei lavori della Commissione con la formale richiesta, specie da parte della Direzione Centrale delle specialità, rivolta a tali società (FF.SS. Società Autostrade ecc ecc) ad adeguare le proprie strutture recettive in uso al personale di polizia in missione ai criteri stabiliti da recepire formalmente in occasione dei futuri accordi e/o rinnovi delle specifiche convenzioni.

La riunione si è conclusa con l’impegno formale dell’Amministrazione ad effettuare un’ulteriore e più approfondita e selettiva ricerca finalizzata a verificare quali e quanti alloggi e posti letto tra quelli già selezionati il cui numero complessivo è stato sopra riportato, risponda ai requisiti d’idoneità stabiliti nel corso della riunione odierna..

I rappresentanti dell’Amministrazione si sono, altresì impegnati a predisporre la stesura finale del verbale della riunione odierna entro la metà di luglio e, come richiesto dal SIULP, a porre in atto tutte le fasi preparatorie per giungere alla sottoscrizione formale dell’intesa negoziale, che costituisce parte integrante, a tutti gli effetti, dell’Accordo Nazionale Quadro, in ottemperanza alla norma contrattuale di cui all’art 24 comma 5 lettera d) del DPR nr.164/2002, possibilmente prima della pausa estiva.

Tale condizione costituisce il presupposto necessario affinchè l’intesa raggiunta venga formalmente e successivamente trasmessa a tutti gli Uffici territoriali e costituisca la base sulla quale valutare, in ogni singolo caso, la sussistenza o meno dei requisiti che gli alloggi indicati dall’Amministrazione devono avere per ospitare il personale in missione secondo i criteri individuati dalla Commissione in quanto il personale avrà diritto, in mancanza dei requisiti richiesti, a fruire dell’albergo della categoria indicata dalle norme contrattuali.

[attachments template=template_1]

Advertisement