Indennità di accompagnamento con ricovero gratuito

612

Ultimo aggiornamento 24/11/2023

Le persone non autosufficienti titolari di indennità di accompagnamento INPS continuano ad avere diritto alla prestazione anche in caso di ricovero gratuito presso una struttura pubblica nel caso in cui necessitino di assistenza supplementare rispetto a quella che la struttura sanitaria è in grado di fornire.

Lo precisa l’INPS con messaggio 3347/2023 che fornisce le indicazioni per presentare la corretta documentazione, ai fini del godimento del beneficio. Ricordiamo che la legge 18/1980 escludeva dall’indennità di accompagnamento le persone ricoverate gratuitamente in un istituto. Tuttavia, sentenze della Corte costituzionale hanno ritenuto questa disposizione illegittima nel caso in cui il paziente abbia bisogno di assistenza ulteriore rispetto a quella che la struttura è in grado di fornire.

Occorre precisare che nel caso in cui il ricovero non sia interamente gratuito e ci sia anche solo una parte della retta a carico dell’assistito, la compatibilità dell’indennità di accompagnamento era già prevista, attraverso una diversa procedura le cui istruzioni sono contenute nel messaggio nel messaggio INPS 18291/2011 del 26 settembre 2011.

advertise

La platea dei beneficiari è, dunque, formata dagli invalidi la cui incapacità di gestire le funzioni biologiche essenziali renda necessaria l’assistenza continua di un familiare o di un infermiere privato, al fine di garantire un’assistenza completa, anche di carattere personale, continuativa ed efficiente in ordine a tutti gli atti quotidiani della vita.

Oppure, nel caso dei minori, quando la presenza dei genitori per l’intera giornata sia assolutamente necessaria per il benessere fisico e relazionale del paziente, e utile alla migliore risposta ai trattamenti terapeutici.

La dichiarazione, presente sul portale INPS, va firmata dal titolare dell’indennità di accompagnamento oppure dall’amministratore di sostegno o dal legale rappresentante (nel caso, per esempio, dei genitori). Essa va inviata all’INPS, in via telematica, al termine di un periodo di ricovero superiore a 29 giorni (se è più breve l’indennità è sempre compatibile).

La procedura è disponibile nell’area riservata del portale dell’istituto di previdenza, seguendo il percorso “Sostegni, Sussidi e Indennità” > “Per disabili/invalidi/inabili” > “Dichiarazioni di responsabilità e ricoveri indennizzati”.

Nel modulo bisogna indicare le date di inizio e fine ricovero, e va allegata la documentazione rilasciata dalla struttura sanitaria attestante che la prestazione assicurata non esaurisce tutte le forme di assistenza di cui il paziente necessita. Non è necessario produrre altri certificati sanitari, cartelle cliniche o documentazione riguardante le patologie invalidanti.

L’INPS dopo aver svolto i controlli di regolarità registrerà i periodi dichiarati nel campo “GP2IC23” del Data Base Pensioni, con il codice 6, denominato “Ricovero indennizzato in struttura pubblica “. In questo modo, le procedure di calcolo per l’indennità di accompagnamento non genereranno un indebito.

 

 

Advertisement