Le mafie in Friuli Venezia Giulia: dal passaggio a Nord Est verso l’insediamento.Convegno

182

Ultimo aggiornamento 08/07/2013

sabato 2 febbraio 2012 – ore 9.30
Palazzo d’Aronco (sala Ajace) – piazza Libertà – Udine

LE MAFIE IN FRIULI VENEZIA GIULIA:
DAL PASSAGGIO A NORD EST VERSO L’INSEDIAMENTO

CONVEGNO REGIONALE

advertise

a cura di Fondazione Libera Informazione
Libera Friuli Venezia Giulia, SIULP Friuli Venezia Giulia, Comune di Udine

Prima sessione (mattina ore 9.30/13.00)

– Saluti delle autorità
– Introduzione e avvio dei lavori
Roberto DECLICH, segretario regionale SIULP FVG

– Le mafie e la teoria delle “isole felici”
Lorenzo FRIGERIO, coordinatore nazionale di Libera Informazione

– La diffusione delle organizzazioni mafiose nel nord Italia
Enzo CICONTE, storico, scrittore e già consulente della Commissione Parlamentare Antimafia

– La presenza delle cosche nell’area del Triveneto
Roberto PENNISI, magistrato della Direzione Nazionale Antimafia

– Il ruolo degli enti locali nel contrasto alle mafie
Pierpaolo ROMANI, coordinatore nazionale di Avviso Pubblico

– Proposte e conclusioni
Felice ROMANO, segretario generale nazionale SIULP

Pausa dei lavori

Seconda sessione (pomeriggio ore 14.30/17.30)

– I delitti di criminalità organizzata in F.V.G.: l’attività di contrasto da parte della D.D.A.
Pietro MONTRONE. Direzione Distrettuale Antimafia, Procura della Repubblica di Trieste

– Il contrasto da parte delle forze dell’ordine

Giacomo MOROSO, Capo sezione operativa Direzione Investigativa Antimafia FVG

– Le vittime delle mafie e i mercati del dolore
Don Pierluigi DI PIAZZA, Centro di accoglienza e di promozione culturale “Ernesto Balducci”

– La prevenzione e la formazione: il lavoro di Libera sul territorio
Marina OSENDA, referente regionale Libera FVG

– Dalla conoscenza alla corresponsabilità
Don Marcello COZZI, vicepresidente Libera

Nel corso degli ultimi anni, l’attività della magistratura e delle forze dell’ordine ha messo sotto i riflettori quella che per molti è ancora una scomoda verità: il Friuli Venezia Giulia non è più solo terra di passaggio per i business illeciti delle consorterie criminali italiane e transnazionali – su tutti, traffico di stupefacenti e tabacchi e tratta degli esseri umani – ma si candida ormai ad essere territorio di elezione per una presenza ramificata della criminalità organizzata che sta assumendo i profili concretizzatisi negli altri contesti regionali prima menzionati.
La lotta per la legalità e contro le mafie e la corruzione deve essere condotta anche attraverso un’attività di informazione e formazione della pubblica opinione, attraverso scelte consapevoli e responsabili da parte delle amministrazioni locali e degli attori sociali maggiormente coinvolti sul versante della prevenzione, per accompagnare e offrire sostegno culturale e politico all’azione delle forze dell’ordine e della magistratura.
Il primo convegno regionale che si terrà a Udine sabato 2 febbraio 2013 si propone di fare il punto sulla presenza delle mafie in Friuli Venezia Giulia.

Advertisement