Lettera – Corsi di recupero per la Formazione all’uso del teaser per gli esclusi

349
Formazione all’uso del teaser. Corsi di recupero per gli istruttori e gli operatori che sono stati esclusi dalla somministrazione dell’addestramento.

Con circolare dello scorso 9 dicembre dell’Ispettorato delle Scuole sono state date indicazioni sulla formazione ‘a cascata” che doveva essere somministrata al personale preposto all’utilizzo dell’arma ad impulsi elettrici, meglio nota come teaser.

Si è, in particolare, disciplinata la durata del ciclo addestrativo, previsto in cinque giornate, durante il quale, per quanto qui maggiormente interessa, gli istruendi, nel corso delle esercitazioni pratiche, avrebbero dovuto, tra l’altro, utilizzare nr. 6 cartucce training e 2 cartucce live.

Orbene, secondo quanto ci viene segnalato dalle nostre strutture periferiche, oltre a non essere stati formati tutti gli istruttori di tiro, anche un numero non irrilevante di colleghi, o perché impegnati in concomitanti impegni professionali, o perché temporaneamente non idonei, non hanno potuto conseguire la prescritta abilitazione.

A questi vanno ad aggiungersi i giovani colleghi del 216 Corso a cui, ratione temporis, non è stato possibile impartire il prescritto addestramento presso le Scuole. Non solo. Ci sono sedi ad organico limitato che hanno visto avvicendarsi operatori formati all’uso del teaser, trasferiti a domanda, con altri, per l’appunto per lo più neo assegnati provenienti dagli Istituti di istruzione, non formati all’uso del dispositivo in narrativa.

Accade così che in casi non sporadici siano comandati di servizio equipaggi di unità operative preposte al controllo del territorio in cui uno solo dei componenti, magari quello con minore anzianità di servizio, ha frequentato il corso in menzione. Per non dire poi degli uffici che, per quanto testé si è detto, avendo a malapena un equipaggio in servizio nel quadrante orario, ed avendo perduto per trasferimento chi era stato formato, tengono l’arma ad impulsi elettrici rigorosamente chiusa nel cassetto.

Questa criticità potrebbe in linea di principio essere agevolmente superata approntando corsi di recupero. Pare però che la volontà organizzativa dei singoli uffici territoriali si scontri con la difficoltà di reperire le cartucce, che rappresentano l’imprescindibile presupposto per il completamento del ciclo formativo.

Indipendentemente da quale sia il motivo che blocca le iniziative in narrativa, siamo a chiedere che codesto Ufficio svolga le opportune sollecitazioni per superare i frapposti ostacoli onde evitare i descritti disservizi ed assicurare una più capillare diffusione di un fondamentale presidio di difesa del personale.

Il Segretario Nazionale

Silvano FILIPPI

PDF LETTERA

Advertisement