Nessuna risposta reale dal Governo per la sicurezza. È ora di scendere in piazza. Dichiarazione del Segretario Generale Felice Romano

37

Ultimo aggiornamento 12/08/2013

Il SIULP si aspettava molto dalla finanziaria 2010 sul versante sicurezza: gli insostenibili vuoti negli organici della Polizia di Stato, la mancanza oramai cronica di mezzi e di auto, il blocco nel rinnovo degli equipaggiamenti, l’inadeguatezza dei trattamenti stipendiali, sono problemi che meritavano una risposta chiara, precisa, risolutiva.

Nessuna risposta reale è stata invece fornita da questo Esecutivo: nell’incontro di qualche giorno fa con il Ministro Maroni, i sindacati hanno appreso che di certo vi è una penuria di stanziamenti sul fronte della sicurezza, mentre il Governo spera molto di poter reperire ulteriori somme parte delle quali, forse, saranno usate su tale fronte.

A questo punto la situazione è tale che il SIULP, unitamente a quasi tutti i sindacati della Polizia di Stato, scende in piazza.

Con una serie di manifestazioni di protesta, anche sotto il Viminale e Palazzo Chigi, che saranno avviate già dalla prossima settimana.

Il SIULP non rinuncerà a nessuna azione utile per smuovere le acque ferme dell’Esecutivo.

La speranza è che chi governa possa finalmente capire che la politica indiscriminata dei tagli ora incrina fin dalle fondamenta, il sistema sicurezza e l’apparato della Polizia di Stato.

[attachments fields=”title”]

Advertisement