NOCS DENUNCIA VIOLENZE: SIULP, NONNISMO NON APPARTIENE A PS

185

Ultimo aggiornamento 13/07/2019

(ANSA) – ROMA, 16 SET – ”Il nonnismo non appartiene alla cultura della Polizia di Stato e dei poliziotti”: lo afferma Felice Romano, segretario generale del segretario di polizia Siulp, a proposito della vicenda che vede due agenti dei Nocs a giudizio dopo la denuncia di un pestaggio subito da un loro collega nella caserma del reparto a Spinaceto (Roma). Il Siulp, ”nel confermare la piena fiducia nell’operato della magistratura e nell’azione amministrativa che il Dipartimento della Ps ha attivato”, esprime la ”propria solidarietà agli appartenenti al Nocs, un reparto di eccellenza e di altissimi professionisti, su quello che, da quanto emerge di ora in ora, appare sempre piu’ una tempesta in un bicchiere d’acqua e non il ‘caso’ eclatante dell’anno.
Romano ”non ha dubbi” sul fatto che ”casi di ‘nonnismo’ nei reparti di polizia non si sono mai verificati, poiche’ questa cultura non e’ mai appartenuta ai poliziotti, nemmeno quando il Corpo era militare”. E, in ogni caso, ”da allora ad oggi, vista anche l’attestazione che ogni giorno viene dai cittadini italiani nel confermare la loro fiducia nella Polizia di Stato quale una delle prime Istituzioni di questo Paese per affidabilità, di strada ne e’ stata fatta tantissima e sempre nel senso di consolidare la cultura democratica e civile sia dei singoli che dell’intera Istituzione, il tutto grazie all’azione di formazione e di vigilanza attenta del Sindacato”.
”Il Nocs – sottolinea Romano – non è una ‘nicchia’ riservata e nascosta, ma solo un reparto di eccellenza utilizzato per i servizi piu’ rischiosi e delicati per i quali il Nocs ha pagato anche alti tributi”. Inoltre, ”gli appartenenti al Nocs sono altamente sindacalizzati, a conferma della massima trasparenza del reparto verso ‘l’esterno”’.
”Non vorremmo – conclude Romano – che un caso di diverbio, per quanto grave perchè avvenuto tra alti professionisti, possa diventare la miccia per una campagna, speriamo involontaria, di delegittimazione di un segmento della Polizia di Stato, cosi’ importante e altamente professionale, per una rivalsa di un singolo rispetto ad un altro”

Advertisement