SICUREZZA: SIULP, ESASPERAZIONE E’ DIVENTATA TENSIONE

16

Ultimo aggiornamento 08/07/2013

(AGI) – Roma, 22 ott. – “L’esasperazione si è ormai trasformata in tensione”.
Felice Romano, segretario generale del Siulp, alla vigilia della protesta in programma domani davanti alle Regioni e a Piazza del Parlamento, racconta che “sono migliaia e migliaia i poliziotti, i carabinieri, i finanzieri e i militari che ci telefonano per dire che la misura e’ colma e che le donne e gli uomini in divisa non ne possono piu'”
“Contratto bloccato – continua Romano – soldi non pagati per l’ordine pubblico, lo straordinario e le missioni per arrestare i latitanti della criminalita’ organizzata, sacrifici personali e familiari per anticipare i soldi per garantire le decine e decine di emergenze che si verificano sul territorio come l’immigrazione, la Val Di Susa e, per ultimo, Scampia, le tassazioni esasperate e illegittime come il prelievo sul Tfs, tetto salariale bloccato con la conseguente negazione della professionalita’ e delle responsabilita’ che ogni giorno si assumono e che la stessa Corte Costituzionale ha dichiarato illegittime; collette e questue per riparare i mezzi che sono ormai allo stremo e che non possono essere revisionati perche’ non ci sono i fondi, addestramento al tiro bloccato perche’ mancano i soldi per comprare le cartucce”.
“Anzichè ringraziarci per il sacrificio che stiamo facendo per mantenere salda la democrazia e la credibilita’ dello Stato – attacca il segretario generale – il governo Monti continua a maltrattare le donne e gli uomini in uniforme e ora ha deciso di calare il colpo mortale al diritto imprescindibile alla sicurezza che il Paese e i suoi cittadini reclamano con forza calando in modo becero e politicamente cieco l’ascia della previdenza. E come se non bastasse, quasi a voler annullare anche quel misero barlume di speranza rimasti a questi onesti servitori dello Stato di una inversione di tendenza rispetto ai maltrattamenti che stanno ricevendo, e’ arrivato, come un colpo netto di ghigliottina anche il blocco del turn over”.

Advertisement