Alloggi di servizio a titolo gratuito connessi all'incarico.Nuovo incontro bozza di regolamento

627

Ultimo aggiornamento 08/07/2013

Nella mattinata odierna presso Il Dipartimento della P.S. si è svolto il secondo incontro tra l’Amministrazione e le OO.SS. sulla bozza di regolamento per la concessione degli alloggi di servizio a titolo gratuito connessi all’incarico.
Il SIULP, oltre a richiamare integralmente le osservazioni scritte già prodotte l’11 aprile scorso sulla bozza di regolamento in esame, ha rappresentato all’Amministrazione l’esigenza di affrontare in modo organico, serio ed urgente la questione dell’emergenza abitativa, specie per molti colleghi che vivono nelle grandi aree urbane, secondo un piano complessivo ed articolato riguardante tutto il personale.
Il SIULP, peraltro, anche nel recente passato, ha più volte avanzato formali richieste sul medesimo argomento, mediante note indirizzate direttamente al Ministero dell’interno ed al Capo della Polizia, formulando proposte concrete ed indicato alcune opportunità da sviluppare per affrontare in un quadro complessivo ed armonico la problematica abitativa, ed indicando anche alcune possibili soluzioni.
Con riferimento alla specifica problematica in esame, degli alloggi di servizio gratuiti connessi all’incarico, prima ancora di entrare nel dettaglio, il SIULP ha chiesto preliminarmente di adeguare ed omogeneizzare complessivamente le attuali disponibilità abitative, il numero totale degli alloggi a titolo gratuito connessi all’incarico, oltre che gli aventi diritto, appartenenti all’Arma dei Carabinieri, ed altre forze di polizia, con quelli previsti per la Polizia di Stato, anche mediante una specifica ricognizione, ed un preventivo confronto da parte della nostra Amministrazione con i competenti Uffici delle altre forze di polizia.
E’ stato, altresì, richiesto di conoscere, oltre al numero complessivo degli alloggi a titolo gratuito connessi all’incarico destinati e/o disponibili per gli appartenenti alla Polizia di Stato anche la loro dislocazione territoriale e la ripartizione per dimensione, in modo tale da verificare la sostenibilità della proposta indicata nella bozza, con la disponibilità complessiva di alloggi ripartiti per dimensione diversa per le diverse qualifiche ed incarichi svolti.
Infatti, secondo la previsione della bozza di regolamento, l’alloggio di servizio a titolo gratuito connesso all’incarico, costituisce un diritto e pertanto, diviene assolutamente e pregiudizialmente necessario verificare come si possa conciliare l’esercizio di un diritto, con l’attuale disponibilità complessiva di alloggi da parte dell’Amministrazione, nonchè le possibili soluzioni alternative in relazione alle attuali limitatissime disponibilità di risorse economiche da parte della competente Direzione Centrale del Dipartimento della P.S. per adempiere a tali necessità.
Inoltre è stato ribadito nuovamente che nella bozza devono essere indicati alcuni criteri di priorità, o di esclusione, ai fini dell’assegnazione dell’alloggio a titolo gratuito connesso all’incarico tra più aventi diritto in servizio presso la medesima realtà territoriale.
Il SIULP ha altresì richiesto che i dati già comunicati alle OO.SS. vengano rapidamente verificati ed integrati per consentire di avere il quadro completo per la prossima riunione e poter consentire ai sindacati di esprimere un parere motivato sulla bozza di regolamento. Infine il SIULP ha chiesto all’Amministrazione di conoscere i dati degli immobili confiscati ad organizzazioni criminali che potrebbero avere la destinazione come alloggi di servizio a titolo gratuito connessi all’incarico, nonché la loro dislocazione territoriale, oltre che gli immobili di proprietà del Dipartimento della P.S. che sono stati fatti confluire nel patrimonio del Fondo di Assistenza per il personale.
I rappresentanti dell’Amministrazione al termine dell’incontro si sono riservati di raccogliere i dati richiesti dal SIULP, rinviando l’approfondimento ad una successivo futuro incontro.

Advertisement