Certificazione Unica 2024 online per dipendenti pubblici e pensionati

467

Ultimo aggiornamento 22/03/2024

A partire da lunedì 18 marzo sono disponibili sul portale NoiPA le CU2024 (Certificazione Unica dei dipendenti pubblici Redditi 2023)

La CU attesta i redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, del periodo d’imposta successivo a quello a cui i redditi certificati sono riferiti.

Il modello riporta tutti gli emolumenti ricevuti e segnalati attraverso il sistema NoiPA nel corso dell’anno fiscale (oltre alle retribuzioni, sono indicate ritenute, detrazioni, dati previdenziali e assistenziali), riepilogati ai fini della dichiarazione dei redditi.

In particolare, riporta ritenute operate, detrazioni applicate, dati previdenziali e assistenziali relativi alla contribuzione versata e/o dovuta.

Ogni dipendente pubblico con cedolino paga consegnato tramite il portale NoiPA può consultare il modello di Certificazione Unica dell’anno di competenza, che riporta i risultati del conguaglio fiscale, effettuate nel mese di febbraio successivo all’anno fiscale di riferimento.

Per il personale in servizio per il quale lo stipendio di febbraio non viene emesso (part-time verticale, aspettativa, ecc.), la CU è elaborata senza annotazione “addizionali all’IRPEF calcolate e non recuperate” e certificando l’eventuale conguaglio fiscale a debito nel campo – “IRPEF da trattenere dal sostituto successivamente al 28 febbraio”.

Per il personale cessato entro il 1° febbraio dell’anno del rilascio della certificazione, NoiPA non effettua il calcolo del conguaglio fiscale né esegue il calcolo delle addizionali IRPEF e dei conguagli contributivi 18% e 3-ter. Pertanto, la CU prodotta riporta nelle annotazioni l’indicazione “obbligo della dichiarazione dei redditi”.

Per visualizzare la propria CU, per chi ancora non lo avesse fatto, bisogna registrarsi a NoiPA e accedere alla propria area personale con proprie credenziali:

  • SPID – Identità Digitale;
  • CNS – Carta Nazionale dei Servizi;
  • CIE – Carta d’Identità Elettronica;
  • codice fiscale e password NoiPA.

Ricordiamo che la Certificazione Unica resta disponibile su NoiPA per 5 anni, archiviata nella sezione “Documenti Personali”.

Anche l’INPS ha reso disponibile la Certificazione Unica 2024 per i soggetti per i quali funge da sostituto d’imposta (pensionati, beneficiari di prestazioni, ecc.) operando nel documento tutti i conguagli fiscali relativi all’anno d’imposta 2023.

Il documento fiscale certifica gli importi corrisposti dall’INPS ai titolari di prestazioni pensionistiche, previdenziali, assistenziali e di sostegno al reddito oppure ai cittadini che hanno percepito dall’INPS redditi di lavoro dipendente e assimilati, di pensione, di lavoro autonomo, provvigioni e redditi di altra natura.

il servizio permette di ottenere la certificazione ufficiale dei compensi ricevuti da lavoro dipendente e assimilati, di lavoro autonomo, redditi di provvigioni, di pensioni e redditi di altra natura.

Disponibile entro il 16 marzo di ogni anno, si può ottenere attraverso i seguenti modi alternativi: gli utenti potranno visualizzare, scaricare e stampare il modello di CU/2024 per la dichiarazione dei redditi direttamente dal sito dell’Istituto di Previdenza (www.inps.it).

Dopo l’accesso con le proprie credenziali all’area riservata MyINPS, bisogna seguire il percorso: I tuoi servizi e strumenti > Servizi fiscali e pagamenti ricevuti da INPS > Comunicazioni Fiscali.

I pensionati potranno utilizzare anche dal servizio online “Cedolino pensione”.

I CUD e Certificazioni Uniche degli anni precedenti sono consultabili all’interno del Fascicolo previdenziale del cittadino, accessibile dal menu, alla voce “Modelli”.

Oltre alla modalità telematica (entrando nell’area MyINPS) e all’App INPS Mobile (servizio Certificazione Unica), ci sono molteplici opzioni alternative per ricevere l’ex CUD dall’INPS.

Per prima cosa, è possibile utilizzare il sistema delle deleghe a persone di fiducia in relazione all’utilizzo delle identità digitali per conto dell’utente.

Poi è possibile richiedere il rilascio cartaceo della Certificazione Unica presso il servizio di Prima accoglienza (senza prenotazione) nelle sedi INPS dove è presente o presso gli sportelli veloci (con prenotazione).

I titolari di una PEC possono richiedere la CU in formato elettronico scrivendo a richiestacertificazioneunica@postacert.inps.gov.it allegando copia del documento di identità (le istruzioni sono presenti anche nell’area MyINPS).

Infine, ci si può rivolgere a Istituti di Patronato, Centri di assistenza fiscale (CAF) o professionisti abilitati.

Disponibile anche il Canale utenza fragile, per disabili e anziani che hanno difficoltà a recarsi presso gli sportelli INPS.

Per richiedere la Certificazione Unica spedita a casa del titolare, si può chiamare il numero verde 800 434320 con risponditore automatico oppure il Contact Center Multicanale al numero 803 164 (da rete fissa) e al numero 06 164164 (da rete mobile). Si può anche richiederla mandando una email ordinaria a richiestacertificazioneunica@inps.it.

Per i pensionati residenti all’estero, la certificazione unica si richiede telefonando al numero 0039-06 164164.

Advertisement