Comunicazioni truffaldine inviate a pensionati

477

Ultimo aggiornamento 20/10/2022

L’INPS segnala nuovi tentativi di truffa attuati con una serie di false e-mail, inviate ai pensionati, in cui i mittenti si spacciano per l’Istituto di previdenza utilizzandone il logo e chiedendo la comunicazione delle coordinate bancarie oppure un bonifico immediato per evitare sanzioni.

Nelle e-mail si promette un rimborso economico oppure si notifica un mancato versamento di contributi. In tutti i casi, si richiedono dati bancari o personali oppure si invita a cliccare su link che in realtà sono fasulli e servono soltanto a carpire informazioni critiche con le quali portare a termine truffe ai danni degli ignari malcapitati.

Come segnala l’INPS, con un comunicato stampa, tali e-mail fasulle sono solo attacchi phishing considerato che l’Istituto non trasmette mai allegati in formato “.exe”, né link nelle proprie comunicazioni.

Pertanto, se si riceve una e-mail sospetta dall’INPS contenente un allegato con estensione .exe (si tratta di programmi eseguibili, che una volta lanciati possono danneggiare il computer oppure sottrarre informazioni personali) oppure un link con l’invito a cliccare e visitare – si consiglia di cestinare le missive ed eventualmente informare il contact center (al numero 803.164 da rete fissa oppure al numero 06.164.164 da cellulare).

Advertisement