Documentazione delle spese sanitarie in sede di dichiarazione dei redditi

2508

Ultimo aggiornamento 24/05/2024

Per documentare le spese mediche detraibili si può tranquillamente consegnare al CAF il Prospetto online del Fisco o del Portale Tessera Sanitaria al posto di scontrini e fatture.

Questa semplificazione, secondo l’Agenzia delle Entrate, può essere utilizzata dai contribuenti che si rivolgono agli intermediari, evitando di presentare scontrini e fatture attraverso la consegna dell’elenco delle spese detraibili già stilato dal Fisco che riporta in dettaglio tutti i farmaci e le spese mediche per le quali è ammessa detrazione.

Se il contribuente procede da sé all’invio della dichiarazione, nel caso in cui integri tali voci con altre spese non presenti nel Prospetto, dovrebbe conservare, oppure consegnare al CAF / intermediario, nel caso si appoggi a tali figure per l’inoltro della precompilata il Prospetto stesso, necessario per un raffronto documentale rispetto a quanto aveva considerato detraibile il Fisco e quanto invece si decide di portare in detrazione.

advertise

Dunque, sia che si proceda con il 730 cartaceo sia che ci si rivolga al CAF o professionista per l’inoltro del Modello precompilato, il contribuente, in luogo della documentazione (scontrini, ricevute, fatture, ecc.), può esibire il prospetto dettagliato delle spese sanitarie riportate nella dichiarazione precompilata, disponibili nel Sistema Tessera Sanitaria, unitamente a una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà effettuata ai sensi dell’art. 47 del DPR n. 445 del 2000 con cui attesta che tale prospetto corrisponde a quello scaricato dal Sistema Tessera Sanitaria.

Se si sceglie di utilizzare l’elenco del Fisco, il prospetto delle spese sanitarie dovrà essere accompagnato da una autocertificazione che attesti che i dati consegnati corrispondono a quelli disponibili sul portale del Sistema Tessera Sanitaria.

Se la presentazione della dichiarazione precompilata prevede modifiche sulle spese sanitarie portate in detrazione, il CAF dovrà anche conservare tale prospetto. Si tratta comunque di una semplice opzione: chi preferisce, continuerà a consegnare la documentazione cartacea originaria, una per una.

Il Prospetto Informativo è disponibile sul sito delle Entrate, nella propria area riservata (nella sezione dedicata alla precompilata).

Per visionarlo e scaricarlo si può procedere anche accedendo al portale del Sistema TS, nella sezione riservata ai cittadini (da questo link) con proprie credenziali SPID, CIE o CNS: basta accedere alla sezione “Consultazione spese sanitarie” per visionare i dati sulle proprie spese trasmessi al Fisco dai vari soggetti obbligati alla trasmissione.

Per la dichiarazione 2024 bisogna selezionare l’anno d’imposta 2023. A quel punto basta utilizzare la funzione di download del file con il dettaglio dei costi che potranno trovare spazio in dichiarazione dei redditi ai fini della detrazione IRPEF spettante.

Il documento dovrà essere stampato e consegnato al CAF o professionista delegato alla trasmissione del 730 precompilato.

Advertisement