G8: SIULP, inopportuna iniziativa alcuni agenti su film Diaz

58

Ultimo aggiornamento 08/07/2013

G8: SIULP, inopportuna iniziativa alcuni agenti su film Diaz associazione invita regista Vicari, sindacato non c’entra.

(ANSA) – ROMA, 20 GIU – L’iniziativa dell’ “Associazione vittime dell’illegalità” di commentare con alcuni poliziotti il film “Diaz” insieme al regista Daniele Vicari non è riconducibile in alcun modo al Siulp che, anzi, ne sottolinea l’assoluta inopportunita. E’ quanto afferma in una nota il segretario del sindacato Felice Romano sottolineando che si tratta di un’iniziativa “francamente discutibile, soprattutto in relazione alla tempistica con la quale è stata realizzata”.

Dopo mesi dall’uscita del film “che viene ora riproposto nelle sale cinematografiche proprio a ridosso della relativa sentenza della Suprema Corte di Cassazione – aggiunge Romano – un incontro di questo tipo somiglia più— ad un’operazione commerciale che di trasparenza.

Il Siulp ha promosso e partecipato, sin dall’immediatezza del G8 di Genova, a momenti di dibattito e confronto su quanto accaduto con quanti volevano analizzare i fatti e non processare sommariamente le persone”. “Come sindacato e come poliziotti – conclude il segretario del Siulp – riteniamo che durante lo svolgimento di un procedimento giudiziario l’atteggiamento di quanti a diverso titolo rappresentano le Istituzioni sia quello di un doveroso e assoluto rispetto nei confronti della magistratura evitando qualsiasi tipo di sollecitazioni dirette o indirette. Il resto è solo strumentalizzazione e pure tardiva”

 

Advertisement