Giannini conferma azione riformatrice modello sicurezza

817
POLIZIA: Romano (SIULP), Giannini conferma azione riformatrice modello sicurezza. Dialogo, centralità risorsa umana e Coordinamento il faro del suo mandato.

Apprezzamento e condivisione per le parole pronunciate dal Capo della Polizia Direttore Generale della P.S. Giannini nel discorso di insediamento tenuto stamattina alla Scuola Superiore di Polizia.

Nel tracciare le linee del suo mandato ha fatto trasparire in modo chiaro e incontrovertibile il valore del dialogo, della disponibilità all’ascolto e al confronto, la centralità e il rispetto delle donne e degli uomini della Polizia di Stato, quotidianamente sono impegnati a garantire in ogni angolo del Paese la sicurezza e la legalità, ma anche l’irrinunciabilità di portare a termine l’azione riformatrice del Dipartimento della P.S. e di consolidamento del modello sicurezza basato sulla centralità dell’Autorità civile di P.S. e del coordinamento quale modello migliore per la gestione di un settore così delicato e complesso per la vita della Repubblica attesa anche la pluralità delle forse a disposizione dell’Autorità nazionale di pubblica sicurezza.

Ecco perché, oltre a formulare i migliori auguri di buon lavoro e rinnovare la totale disponibilità a lavorare insieme per il bene e la sicurezza del nostro Paese e dei nostri cittadini, esprimo soddisfazione e apprezzamento per le parole proferite dal Prefetto Giannini nel discorso all’atto del suo insediamento.

Così in una nota Felice Romano, Segretario Generale del SIULP, il primo sindacato della Polizia di Stato, commenta il discorso di insediamento del nuovo Capo della Polizia prefetto Giannini.

Le problematiche che dovremo affrontare per portare a compimento il processo riformatore iniziato con il precedente Capo della Polizia e la necessità di adeguare il Dipartimento della P.S. e l’intero sistema sicurezza alle nuove e accresciute sfide che ci attendono, sottolinea Romano, necessitavano di avere chiare indicazioni dal nuovo Capo della Polizia. I valori cui si è richiamato, il rispetto della centralità delle risorse umane, la dichiarata e sentita disponibilità all’ascolto e al confronto nonché le modalità cui il Prefetto Giannini ha utilizzato nel suo discorso di insediamento, durante il quale sono emerse in modo incontrovertibile le sue doti umane e di grande conoscitore della macchina sicurezza, sono le risposte che i Poliziotti si aspettavano da chi ha assunto uno degli incarichi più delicati e prestigiosi della nostra repubblica.

Oggi più di ieri, continua Romano, la sicurezza e la legalità rivestono un ruolo centrale per ricreare le condizioni per il rilancio del nostro paese giacché esse, più di ieri, non possono più essere considerate costi del sistema immunitario ma la precondizione per il rilancio economico e sociale dei nostri territori. Un percorso che può trovare positiva soluzione, come peraltro sottolineato dallo stesso Premier Draghi, solo attraverso la valorizzazione delle Forze di polizia che, oltre al contrasto alla criminalità organizzata che tenta di arricchirsi sulla sofferenza delle persone per effetto della pandemia, hanno dimostrato equilibrio e professionalità anche nel garantire il rigore delle norme per arginare il dilagare del contagio ma sempre nel rispetto della dignità delle persone.

Ecco perché, conclude il leader del SIULP, le parole del Prefetto Giannini sono rassicuranti ma anche un forte richiamo al senso di responsabilità ad ognuno a lavorare per rafforzare “la squadra dello Stato” al servizio delle Istituzioni, dei Cittadini e a difesa delle Istituzioni democratiche. Un richiamo al quale il SIULP non solo non si vuole sottrarre ma, già da ora, lo porta a dichiarare la propria totale disponibilità a continuare a lavorare insieme per aumentare le tutele dei poliziotti e la sicurezza di tutti i cittadini.-

Roma, 10 marzo 2021

 

 

Advertisement