Incendi in Sardegna: comunicato Felice Romano

380

Felice Romano (SIULP), vicinanza e solidarietà alle popolazioni colpite, plauso all’operato delle Forze di polizia e della Polizia di Stato per encomiabile abnegazione dimostrata.

Nella drammatica notte in cui le fiamme hanno completamente devastato il territorio
oristanese, minacciando anche le province limitrofe, ancora una volta l’encomiabile azione delle donne e degli uomini delle Forze di polizia e della Polizia di Stato in primis è stata immediata e coordinata, con totale spirito di abnegazione, con l’intero sistema di soccorso pubblico evitando che vi potessero essere vittime in una situazione veramente disastrosa.

A Tutti questi colleghi, alla protezione civile e ai Vigili del Fuoco va il nostro plauso e il
ringraziamento per la meritoria e tempestiva opera di soccorso dispiegata in aiuto delle
popolazioni colpite dal devastante rogo che ha colpito i territori oristanesi e quelli delle province limitrofe.
Così in una nota Felice ROMANO, Segretario generale del SIULP commenta il devastante
incendio che si è sviluppato in Sardegna e che, grazie alla tempestiva e professionale opera dei soccorritori, non ha fatto contare vittime umane.

Nonostante la velocità e l’aggressività con cui le fiamme hanno cominciato a devastare i
territori oristanesi, sottolinea Romano, la immediata e coordinata risposta messa in campo
dall’Autorità di Pubblica Sicurezza provinciale, dalle Forze preposte al soccorso pubblico – che hanno potuto contare anche su tantissimi poliziotti e operatori delle Forze di polizia e dei Vigili del Fuoco che liberi dal servizio non hanno esitato un solo attimo nel mettersi a disposizione per portare soccorso alle persone minacciate dalle fiamme e ai quali va tutto il nostro plauso oltre che i sentiti ringraziamenti – ha evitato che questo disastro potesse fare anche vittime umane oltre agli ingenti danni che ha causato.

Determinante, in tal senso, anche la risposta della Scuola di Polizia CAIP di Abbasanta che
ha messo a disposizione i pullman per poter evacuare le persone dalle abitazioni ormai raggiunte dal fuoco.
Ecco perché, nell’evidenziare l’importanza dei presidi di sicurezza nei territori e quanto sia
importante preservarli dalla logica ragionieristica che spesso tende a chiuderli, ringraziamo anche la Ministra LAMORGESE per le parole di incoraggiamento e per l’impegno a sostegno di queste popolazioni che ha manifestato pubblicamente. Giacché, conoscendo la sua sensibilità e la sua attendibilità quando assume impegni su demi così delicati, siamo certi che dispiegherà ogni sua prerogativa per far giungere ogni possibile sostegno per superare il prima possibile questa grave situazione in cui si sono venuti a trovare i cittadini dei territori devastati.

Roma, 26 luglio 2021

Advertisement