Intercettazioni e tagli alla sicurezza: il SIULP lancia il patto per la legalità

24

Ultimo aggiornamento 04/07/2013

Dichiarazione del Segretario Generale Felice Romano

 
C’è una questione morale che viene prima di ogni altra cosa e che va affrontata con urgenza prioritaria: la recente politica del Governo sulla legge “anti-intercettazioni”, e sul taglio alla spesa pubblica, che anziché riguardare il superfluo riguarda la struttura portante dello Stato stesso, nelle due dimensioni sicurezza e giustizia, impone un’azione di contrasto senza se e senza ma.
 
Il SIULP chiama all’appello i cittadini, i rappresentanti delle istituzioni e dei sindacati, in particolare quelli dei magistrati e dei giornalisti, affinché si sottoscriva un patto per la moralità e per la legalità.
 
Un patto finalizzato a far luce su alcuni inquietanti episodi che vedono sempre più diffusi malcostume e corruzione tra i massimi rappresentanti di partiti, istituzioni ed amministrazioni, nonché a frenare la devastante opera di distruzione dell’apparato sicurezza e giustizia, che proprio dal provvedimento sulle intercettazioni e dai tagli contenuti nella manovra correttiva riceve danni di inusitata gravità.
 
L’idea del SIULP è quella di un libro bianco da scrivere col contributo di magistrati e giornalisti da sottoporre alla firma dei cittadini onesti del nostro Paese e da presentare successivamente alle massime cariche istituzionali.
 
Già dalla prossima settimana il maggior sindacato della Polizia di Stato sarà presente in alcuni posti “strategici” della sicurezza ed in alcune sedi “simboliche” per presentare il Patto per la Moralità e la Legalità: parte nel frattempo, ad opera sempre del SIULP, una immediata azione di denuncia degli sprechi e degli abusi di settori della pubblica amministrazione, a cominciare dalle auto blù, che sono le più ingiuste ed inutili, in base all’idea che l’attuale momento politico ed economico del Paese impone di tagliare immediatamente i privilegi che ancora oggi vengono caparbiamente mantenuti.
 
lanci di agenzia
INTERCETTAZIONI:SIULP LANCIA PATTO PER MORALITA’ E LEGALITA’
(ANSA) – ROMA, 11 GIU – ”C’e’ una questione morale che viene prima di ogni altra cosa e che va affrontata con urgenza prioritaria: la recente politica del Governo sulla legge anti-intercettazioni e sul taglio alla spesa pubblica, che anziche’ riguardare il superfluo riguarda la struttura portante dello Stato stesso, nelle due dimensioni sicurezza e giustizia, impone un’azione di contrasto senza se e senza ma”. Lo afferma il sindacato di polizia Siulp che ”chiama all’appello i cittadini, i rappresentanti delle istituzioni e dei sindacati, in particolare quelli dei magistrati e dei giornalisti, affinche’ si sottoscriva un patto per la moralita’ e per la legalita”’. ”Un patto – spiega il Siulp – finalizzato a far luce su alcuni inquietanti episodi che vedono sempre piu’ diffusi malcostume e corruzione tra i massimi rappresentanti di partiti, istituzioni ed amministrazioni, nonche’ a frenare la devastante opera di distruzione dell’apparato sicurezza e giustizia, che proprio dal provvedimento sulle intercettazioni e dai tagli contenuti nella manovra correttiva riceve danni di inusitata gravita”’. L’idea, prosegue, ”e’ quella di un libro bianco da scrivere col contributo di magistrati e giornalisti da sottoporre alla firma dei cittadini onesti del nostro Paese e da presentare successivamente alle massime cariche istituzionali.

 

Rassegna stampa online

Corriere salentino

Intercettazioni e manovra correttiva: il SIULP si mobilita contro la “morte” della polizia.

dazebao.org l’informazione online

Intercettazioni, il ‘giorno dopo’. Giornalisti, editori e quotidiani pronti alla disobbedienza

 gomarche.it

Provvedimento intercettazioni, Siulp: si celebra la morte della polizia

lecceprima.it

IL SINDACATO DI POLIZIA DICE NO ALLA “LEGGE BAVAGLIO”

vivere civitanova

Provvedimento intercettazioni, Siulp: si celebra la morte della polizia

wakeupnews

La lunga agonia della libertà di informazione

halloclick

NTERCETTAZIONI, BERSANI: “CI SARA DA COMBATTERE” IL PDL: “BASTA GUARDONI”

 

Advertisement