Spending review: SIULP ad Alfano, NO taglio selvaggio presidi sicurezza

    46

    SINDACATI INCONTRANO MINISTRO

    Roma, 25 mar. (Adnkronos) -“No a tagli selvaggi dei presidi, ma aprire un tavolo presso l’Ufficio pianificazione e coordinamento per razionalizzare l’intero sistema sicurezza e tutte le forze di polizia: prima di predisporre qualsiasi piano di razionalizzazione è necessario procedere al riordino del sistema sicurezza. Non si può decidere alcuna ridislocazione dei presidi se prima non si chiarisce quale sistema si vuole”. Lo ribadisce Felice Romano, segretario del Siulp, al termine dell’incontro dei sindacati di Polizia con il ministro dell’Interno Angelino Alfano.

    “Revisione ordinamentale del personale e revisione dei presidi devono viaggiare all’unisono – spiega – solo così si può avere un risultato migliore. Diversamente ci sarà un semestre europeo molto tempestoso per le inevitabili manifestazioni dei poliziotti”.

    Durante l’incontro è stato evidenziato il bisogno di un cronoprogramma certo da parte del governo. “Occorre, da subito, sbloccare il tetto salariale che è fonte di grave e ingiustificata disparità di trattamento. Si tratta di un atto fondamentale, al pari del riordino delle carriere e dell’apertura delle trattative contrattuali”, ha sottolineato Romano ad Alfano, il quale si è dimostrato molto sensibile al problema del tetto salariale, e ha garantito che non intende perpetrare penalizzazioni a danno dei poliziotti. Il ministro ha quindi assunto l’impegno a riconvocare i sindacati al termine dell’istruttoria sulla spending review con prefetti e questure.

     

    Spending review:Siulp;no tagli selvaggi,pronte mobilitazioni (V. “Spending review: Alfano, no risparmi…” delle 12.59)

    (ANSA) – ROMA, 25 MAR – “No a tagli selvaggi dei presidi, ma aprire un tavolo presso l’Ufficio pianificazione e coordinamento per razionalizzare l’intero sistema sicurezza e tutte le forze di polizia: prima di predisporre qualsiasi piano di razionalizzazione è necessario procedere al riordino del sistema sicurezza. Non si può decidere alcuna ridislocazione dei presidi se prima non si chiarisce quale sistema si vuole”. Lo ribadisce Felice Romano, segretario del sindacato di polizia Siulp, al termine dell’incontro dei sindacati con il ministro dell’Interno Angelino Alfano.

    “Revisione ordinamentale del personale e revisione dei presidi – spiega Romano – devono viaggiare all’unisono: solo così si può avere un risultato migliore. Diversamente ci sarà un semestre europeo molto tempestoso per le inevitabili manifestazioni dei poliziotti”.

    Durante l’incontro è stato rappresentato da parte dei sindacati il bisogno di un cronoprogramma certo da parte del governo. “Occorre, da subito, sbloccare il tetto salariale che è fonte di grave ed ingiustificata disparità di trattamento. Si tratta di un atto fondamentale, al pari del riordino delle carriere e dell’apertura delle trattative contrattuali”, ha sottolineato Romano ad Alfano, il quale “si è dimostrato molto sensibile al problema del tetto salariale e ha garantito che non intende perpetrare penalizzazioni a danno dei poliziotti. Il ministro ha quindi assunto l’impegno a riconvocare i sindacati al termine dell’istruttoria sulla spendig review con prefetti e questure”.

    Advertisement