Un soffio per la vita – seconda edizione

49

Segnaliamo l’iniziativa della Segreteria provinciale dal 20 al 28 giugno a Forlimpopoli

“UN SOFFIO PER LA VITA”

Festa Artusiana di Forlimpopoli (FC) – 20 al 28 giugno 2015

Dal 20 al 28 giugno a Forlimpopoli, in un contesto internazionale il cui filo conduttore è la figura di Pellegrino Artusi cultore del “mangiar bene,” il SIULP ed i partners che hanno condiviso l’iniziativa “UN SOFFIO PER LA VITA” vuole promuovere una campagna di sensibilizzazione contro l’abuso di alcool, quale causa principale degli incidenti mortali che si verificano sulle nostre strade. Un’importante opportunità per continuare ad ingenerare quella necessaria sensibilità culturale, sociale e morale su questo tema, ponendo il focus su un argomento che tocca la vita di tutti noi! In un contesto di questo genere il SIULP di Forlì-Cesena ritiene necessario continuare a tenere alta l’attenzione sulla principale causa di incidenti mortali nel territorio nazionale. “UN SOFFIO PER LA VITA” ( sottotitolo: se bevo non guido) invita ad effettuare una prova gratuita dell’alcoltest (con gli etilometri in uso alle forze di polizia forniti dalla DRAEGER Safety Spa) per verificare preventivamente il tasso alcol emico e l’idoneità alla guida, ricordando sia gli effetti dell’alcol sul nostro fisico e le sanzioni previste dalla legge. A 90 anni da quella che è stata una delle prime tragedie stradali che colpì l’intera città di Forlì, in particolare la frazione San Varano (il conducente di un autocarro proveniente da Castrocaro causò un gravissimo incidente in cui persero la vita quattro bambini appena usciti da scuola), verranno raccolti fondi per il restauro di un’opera, la Pietà dello scultore Roberto De Cupis, simbolo ideale di tutte le vittime della strada situata nel luogo ove si consumò quella tragedia. Lo stand si trova in piazzetta della Marietta, di fianco alla Rocca ed alla Piazza Pellegrino Artusi. L’evento, patrocinato dal Comune di Forlimpopoli, è realizzato con il contributo di alcuni partner: Lista civica “NOI con Drei”, GESTIRE L’INGESTIBILE (Associazione Italiana Professioni di Aiuto), Azienda Agricola “LA COLOMBARA” di Forlì, la Società “BORGONOVO” di Forlì. Aderiscono quali testimonial dell’iniziativa diversi personaggi noti del mondo culturale, sportivo, politico, amministrativo della Romagna che ogni sera si soffermeranno nello stand per effettuare le prove di alcoltest insieme ai passanti. Lunedì 22 giugno avremo la presenza del mitico “Sgabanaza” che ci farà anche sorridere con un suo spettacolo dedicato all’iniziativa.

Cenni storici sulla tragedia di San Varano:16 gennaio 1925, una tragedia stradale colpì in modo drammatico la città di Forlì, in particolare la comunità di San Varano. Quel giorno la velocità pericolosa sulla via Firenze e una manovra sbagliata da parte del conducente di un pesante autocarro causò un gravissimo incidente che provocò la morte di quattro bambini appena usciti dal vicino edificio scolastico e il ferimento in modo grave di un quinto ragazzo. Oltre al dolore straziante delle famiglie e dei cittadini, quella tragedia pose tragicamente in evidenza il tema della sicurezza stradale, soprattutto nei confronti del prossimo e delle fasce più esposte al rischio: pedoni e ciclisti, bambini e anziani. Attorno alla vicenda si animò una accorata liturgia del cordoglio che culminò in un funerale svolto in modo solenne, con un lunghissimo corteo al seguito delle quattro piccole bare marciare fra ali di folla dalla camera mortuaria dell’Ospedale Morgagni (oggi sede del Campus Universitario) fino a Porta Schiavonia, e da qui sempre a piedi fino a San Varano. La partecipazione al dolore delle famiglie e al lutto dell’intera collettività prese successivamente anche forma artistica attraverso un monumento eretto nel luogo ove si era consumata la tragedia. L’opera fu realizzata dallo scultore Roberto De Cupis con un piccolo tempio commemorativo con al centro una rappresentazione della Pietà.

[attachments template=template_1]

Advertisement