Canale telematico per i Trattamenti di fine servizio (TFS e TFR)

646

Ultimo aggiornamento 21/11/2022

Dal 1° gennaio 2023 tutte le amministrazioni utilizzeranno esclusivamente gli strumenti digitali per l’invio all’Inps delle informazioni utili alla liquidazione del Trattamento di fine servizio (Tfs) e del Trattamento di fine rapporto (Tfr) dei dipendenti pubblici.

Lo fa sapere l’Inps con una nota. Il passaggio all’utilizzo esclusivo del canale digitale – spiega l’Inps – si colloca nell’ambito del più ampio processo di digitalizzazione dei servizi e delle procedure amministrative finalizzato a potenziare l’interoperabilità dei dati tra l’Inps e le altre pubbliche amministrazioni.

Questa nuova modalità consentirà di ridurre i tempi di definizione della procedura di liquidazione del Tfs-Tfr, superando così le criticità legate alla trasmissione da parte delle amministrazioni della documentazione cartacea utilizzata finora a tale scopo.

“Con il canale telematico esclusivo – dichiara Vincenzo Caridi direttore generale dell’Inps – l’Istituto migliora e rende più tempestiva tutta l’attività propedeutica alla liquidazione del Tfr e del Tfs per i lavoratori appartenenti alla gestione pubblica, in linea con l’obiettivo di coinvolgere nella coproduzione di valore all’utenza le amministrazioni che hanno il compito di garantire la completezza e la correttezza della posizione assicurativa dei loro dipendenti”.

Advertisement