TERRORISMO: Romano, arresto Elezi conferma eccellenza antiterrorismo italiano.

765
TERRORISMO: Romano (SIULP), arresto Elezi conferma eccellenza antiterrorismo italiano. Ci aspettiamo dall’esecutivo fatti e non solo belle parole.

Esprimiamo grande plauso e sentiti ringraziamenti per l’operazione di ieri sera, condotte dalle Digos di Napoli e Caserta in collaborazione con la Polizia delle Telecomunicazioni, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli, che ha portato all’arresto del cittadino albanese Endri Elezi, accusato di aver fornito le armi ai terroristi che hanno effettuato l’attentato a Nizza il 14 luglio 2016.

Questo ulteriore positivo risultato è l’ennesima dimostrazione dell’eccellenza del nostro Antiterrorismo e delle elevate capacità degli investigatori della Polizia di Stato.

Il brillante risultato, che si aggiunge ai numerosi già registrati nel contrasto agli atti eversivi consumati dal terrorismo islamico in Europa negli ultimi anni, è il frutto anche di una sinergica collaborazione tra le varie articolazioni specialistiche della Polizia di Stato e dell’osmosi delle modalità investigative tradizionali e quelle informatiche e di monitoraggio costante della rete web, ma anche la conferma dell’efficacia della cooperazione internazionale.

Ecco perché diviene urgente approvare l’istituzione della nuova Direzione Centrale della Sicurezza Cibernetica come auspicato oggi dalla Ministra LAMORGESE.

Così in una nota Felice ROMANO, Segretario Generale del SIULP commenta l’arresto del cittadino albanese Elezi Endri avvenuto nel casertano.

Ma la straordinarietà dell’operazione, sottolinea il leader del SIULP, si evince soprattutto dalla capacità, grazie all’attenta direzione del Capo della Polizia – Direttore Generale della P.S., di mettere a sistema i vari segmenti che compongono l’Istituzione in modo da avere tanti flussi informativi che alimentano le cabine di regia investigative.

Cabine nelle quali, analizzando e scandagliando tutti i dati che arrivano per connetterli tra di loro, valorizzano al massimo anche il lavoro del controllo del territorio che è e rimane prezioso e irrinunciabile presidio di garanzia della sicurezza oltre che per la raccolta delle informazioni.

Ma per garantire un sistema così di eccellenza occorrono, oltre al sacrificio incondizionato e a professionalità sempre più raffinate, opportune urgenti e necessarie risorse per migliorare sempre più gli apparati occorrenti ma anche per ristorare i gravosi sacrifici che, spesso sono mortificati per mancanza di fondi anche solo per pagare una parte dell’enorme mole di lavoro straordinario che queste complesse e delicate indagini richiedono. Nel ringraziare, pertanto, la Ministra LAMORGESE per le attestazioni di stima e per i complimenti che ha voluto inviare alle donne e agli uomini delle Forze di polizia e della Polizia di Stato per il loro impegno quotidiano e per la loro professionalità con cui garantiscono un’attenta e scrupolosa attività di prevenzione contro le minacce terroristiche e della criminalità organizzata, conclude Romano, auspichiamo che l’esecutivo non si limiti alle sole parole ma passi anche a fatti concreti ricordandosi di queste donne e di questi uomini anche quando si decidono gli appostamenti di bilancio che poi sono la benzina per garantire il funzionamento di questa straordinaria macchina della sicurezza.

Roma, lì 22 aprile 2021

Advertisement