8 MARZO FESTA DELLE DONNE

718

Ultimo aggiornamento 09/03/2021

8 marzo 2021: a 100 anni dall’istituzione della Giornata Internazionale dell’Operaia, poi Giornata Internazionale della Donna

Dall’inizio del Novecento molti sono gli avvenimenti che hanno contribuito alla lotta per la rivendicazione di questi diritti e alla successiva istituzione della Giornata internazionale delle donne. 

  • 1907 (18 – 24 agosto): a Stoccarda si tiene il VII Congresso della II Internazionale socialista durante il quale si discusse, per la prima volta, della questione femminile e del voto alle donne.
  • 1907 (26 – 27 agosto): sempre a Stoccarda si tiene Conferenza internazionale delle donne socialiste durante la quale fu istituito l’Ufficio di informazione delle donne socialiste e Clara Zetkin ne fu eletta segretaria.
  • 1908 (3 maggio): a Chicago, Corinne Stubbs Brown (che nella rivista The Socialist Woman aveva dichiarato che il Congresso non aveva “alcun diritto di dettare alle donne socialiste come e con chi lavorare per la propria liberazione”) presiedette la Conferenza del Partito Socialista Americano durante la quale si parlò dello sfruttamento dei datori di lavoro nei confronti delle operaie, delle discriminazioni sessuali e del diritto di voto. La giornata fu ribattezzata “Woman’s Day”.
  • 1909 (23 febbraio): negli Stati Uniti il Partito socialista americano celebra la prima “giornata della donna” con una manifestazione ufficiale.
  • 1910 (26 – 27 agosto): a Copenaghen si tiene la seconda Conferenza internazionale delle donne socialiste durante la quale si decise di seguire l’iniziativa americana istituendo una giornata internazionale dedicata alla rivendicazione dei diritti delle donne.
  • 1917 (8 marzo): a San Pietroburgo le donne si resero particolarmente protagoniste quando guidarono una grande manifestazione per reclamare la fine della guerra, chiedendo pane per i figli e il ritorno degli uomini dal fronte. E’ la prima di una serie di proteste che porterà alla fine dello zarismo.
  • 1921 (14 giugno): a Mosca, durante la Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste, per ricordare l’evento di San Pietroburgo, fu stabilito che l’ 8 marzo fosse la Giornata internazionale dell’operaia.
  • 1922 (12 marzo): in Italia si inizia a celebrare la Festa della Donna con la stessa connotazione politica e di rivendicazione sociale.
  • 1944 (settembre): a Roma viene istituito l’UDI, Unione Donne Italiane e si decide di scegliere l’8 marzo per celebrare la giornata della donna, nelle zone dell’Italia già liberate dal fascismo.
  • 1946 (8 marzo): in tutta Italia, per la prima volta, si festeggia la Festa della Donna e viene scelta la mimosa, che fiorisce proprio nei primi giorni di marzo, come simbolo della ricorrenza.
  • 1972 (8 marzo): a Roma in Piazza Campo de’ Fiori si è svolta la manifestazione della festa della donna, durante la quale le donne hanno chiesto, tra le varie cose, anche la legalizzazione dell’aborto (la data sancisce la nascita di un vero e proprio movimento femminista italiano).

Malgrado siano trascorsi ormai 100 anni dall’istituzione dell’ 8 marzo quale Giornata internazionale dell’operaia, oggi più che mai il tema dei diritti delle donne richiede nuove attenzioni e visibilità, perché sono ancora troppe le discriminazioni e le violenze di cui sono oggetto, in molte parti del mondo.

Va ricordato che le Donne vanno amate e rispettate – quali madri, sorelle, figlie, mogli, compagne, amiche – ogni giorno dell’anno, indistintamente.

Advertisement