Agenzie stampa – Migranti: Romano bene accordo Tunisia e nuovo decreto

523

Ultimo aggiornamento 26/07/2023

DIR2184 3 POL 0 RR1 N/POL / DIR /TXT

SERVE ASSUNZIONE STRAORDINARIA DI ALMENO 5.000 NUOVI POLIZIOTTI (DIRE) Red, 24 lug. –

“Esprimiamo il nostro plauso riguardo la centralità dell’Italia dimostrata ieri nella riunione di Roma – sottolinea Felice Romano, Segretario Generale del SIULP, il Sindacato Italiano Unitario dei Lavoratori di Polizia – alla presenza di numerosi Capi di Stato e di Governo e per l’accordo firmato con la Tunisia.

Condividiamo il lavoro svolto dal Ministro dell’Interno Piantedosi, nonché l’ipotesi espressa dal Sottosegretario Molteni riguardo la necessità di un nuovo Decreto Immigrazione e Sicurezza. Quello che però riteniamo come SIULP fondamentale, é che venga espressamente prevista l’assunzione straordinaria di almeno 5.000 nuovi poliziotti destinati esclusivamente ad essere impiegati per le esigenze derivanti dall’attività di contrasto al flusso migratorio, al traffico di esseri umani, nonché per le funzioni di Polizia di Frontiera, oneri questi, che ricadono in via esclusiva solo sulla Polizia di Stato e che sono fondamentali ed imprescindibili per la sicurezza e lo sviluppo del Paese”.

“Al di là delle questioni che il governo riterrà opportuno inserire in questo nuovo decreto – spiega ancora Felice Romano – come SIULP riteniamo imprescindibile che o stesso preveda tali straordinarie assunzioni, in una situazione di grave carenza di personale, e con previsioni per il 2030 di nuovi 4.0000 pensionamenti che andranno ulteriormente ad aggravare tale crisi di organico. Diversamente, si corre il rischio di pronunciare tante giuste parole ma di vedere poi nel concreto pochi fatti”.

(Com/Red/ Dire) 19:18 24-07-23 NNNN

(ANSA) – ROMA, 24 LUG – “Esprimiamo il nostro plauso riguardo la centralità dell’Italia dimostrata ieri nella riunione di Roma alla presenza di numerosi capi di Stato e di Governo e per l’accordo firmato con la Tunisia. Condividiamo il lavoro svolto dal ministro dell’Interno Piantedosi, nonché l’ipotesi espressa dal sottosegretario Molteni riguardo la necessità di un nuovo Decreto immigrazione e sicurezza.

é però fondamentale l’assunzione straordinaria di almeno 5000 nuovi poliziotti destinati esclusivamente ad essere impiegate per le esigenze derivanti dall’attività di contrasto al flusso migratorio, al traffico di esseri umani nonché per le funzioni di Polizia di frontiera, oneri questi, che ricadono in via esclusiva solo sulla Polizia di Stato e che sono fondamentali ed imprescindibili per la sicurezza e lo sviluppo del Paese”.

Lo afferma Felice Romano, segretario generale del sindacato Siulp.

(ANSA). COM-NE 2023-07-24 19:13 S0B QBXB CRO XCI23205008584_SXB_QBXB

ADN1366 7 CRO 0 ADN CRO NAZ ‘Altrimenti alle parole non seguiranno i fattì Roma, 24 lug. – (Adnkronos) –

”Esprimiamo il nostro plauso riguardo la centralità dell’Italia dimostrata ieri nella riunione di Roma, alla presenza di numerosi Capi di Stato e di Governo e per l’accordo firmato con la Tunisia”. Lo afferma Felice Romano, Segretario Generale del Siulp, il Sindacato Italiano Unitario dei Lavoratori di Polizia.

“Condividiamo il lavoro svolto dal Ministro dell’Interno Piantedosi, nonché l’ipotesi espressa dal Sottosegretario Molteni riguardo la necessità di un nuovo Decreto Immigrazione e Sicurezza, quello che però riteniamo come Siulp fondamentale, – continua Romano – é che venga espressamente prevista l’assunzione straordinaria di almeno 5000 nuovi poliziotti destinati esclusivamente ad essere impiegate per le esigenze derivanti dall’attività di contrasto al flusso migratorio, al traffico di esseri umani nonché per le funzioni di Polizia di Frontiera, oneri questi, che ricadono in via esclusiva solo sulla Polizia di Stato e che sono fondamentali ed imprescindibili per la sicurezza e lo sviluppo del Paesé’.

”Al di là delle questioni che il governo riterrà opportuno inserire in questo nuovo decreto – spiega ancora Romano – come Siulp riteniamo imprescindibile che o stesso preveda tali straordinarie assunzioni, in una situazione di grave carenza di personale, e con previsioni per il 2030 di nuovi 40000 pensionamenti che andranno ulteriormente ad aggravare tale crisi di organico. Diversamente, si corre il rischio di pronunciare tante giuste parole ma di vedere poi nel concreto pochi fattì’.

(Giz-Cro/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 24-LUG-23 19:58 NNNN

 

Advertisement