Bonus idrico per acqua potabile

317

Ultimo aggiornamento 10/05/2024

Il Bonus Acqua Potabile o Bonus Idrico è previsto dall’articolo 1 comma 713 della Legge 234/2021 che ha prorogato il Bonus Idrico di cui all’articolo 1, commi da 1087 a 1089, della legge 30 dicembre 2020, n. 178.

Esso è finalizzato a migliorare qualitativamente le acque destinate al consumo, purché siano erogate dagli acquedotti. Dunque, riguarda l’acqua che esce dal rubinetto di casa ed i relativi sistemi.

Si tratta di un credito d’imposta pari al fino al 50% delle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre, che in ogni caso non deve superare i seguenti importi:

advertise
  • 1000 euro per ogni unità immobiliare, richiesto dalle persone fisiche non esercenti attività economiche;
  • 5000 euro per ogni immobile adibito ad attività commerciale o istituzionale, richiesto da tutti gli altri soggetti.

Il Bonus Acqua Potabile viene concesso per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare E290 NB:

Si tratta di un credito d’imposta, che non va confuso con il Bonus Acqua in Bolletta, concesso in modo automatico alle famiglie a basso reddito ISEE, a cui vengono applicate direttamente in bolletta gli sconti stabiliti dall’ARERA, sulla base delle tariffe locali.

Previo finanziamento annuale della misura, per ottenere il bonus è necessario inviare all’Agenzia delle Entrate il modello di “Comunicazione delle spese per il miglioramento dell’acqua potabile” nei tempi stabiliti.

L’importo delle spese sostenute per i dispositivi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento o addizione di anidride carbonica deve essere documentato tramite fattura elettronica o documento commerciale con il codice fiscale del soggetto che richiede il credito.

Privati e soggetti diversi da quelli esercenti attività d’impresa in regime di contabilità ordinaria, inoltre, devono effettuare il pagamento con versamento bancario o postale o altri sistemi di pagamento tracciabile che non prevedano i contanti. Le informazioni sugli interventi vanno trasmesse poi all’Enea.

L’ammontare delle spese agevolabili va poi comunicato in febbraio all’Agenzia delle Entrate tramite il servizio web disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia (sezione Servizi, categoria Agevolazioni, voce Credito di imposta per il miglioramento dell’acqua potabile).

In alternativa, è possibile inviarla come file conforme alle specifiche tecniche della scheda informativa. Bisogna farlo utilizzando il servizio web dell’Agenzia delle Entrate (dal percorso: Servizi > Agevolazioni > Credito d’imposta dell’acqua potabile).

Si può anche inviare una comunicazione sulla base dell’apposito modello e delle specifiche tecniche indicate nella scheda informativa, previo controllo di conformità (con il software specifico predisposto dalle Entrate).

Advertisement