Grazie a Ministro Piantedosi per sostegno e impegni per Sicurezza Paese e poliziotti.

432
SICUREZZA: Romano (SIULP) grazie a Ministro Piantedosi per sostegno e impegni per
Sicurezza Paese e poliziotti.

Non poteva esserci occasione migliore per l’insediamento del neo Ministro dell’Interno
Matteo Piantedosi che la cerimonia inaugurale dell’anno accademico 2022/23 della
Scuola Superiore di Polizia, a Roma. La culla della formazione dei funzionari e Dirigenti
della Polizia di Stato, infatti, ha fatto da degna e suggestiva cornice ai contenuti, carichi
di valori ed indicazioni programmatiche, che il Ministro, accompagnato dal Capo della
Polizia – Direttore Generale della P.S. Lamberto Giannini, ha voluto partecipare ai
presenti, a tutte le donne ed uomini della Polizia di Stato e di tutte le Forze di Polizia.
Nel cogliere il messaggio che il Capo della Polizia ha voluto indirizzare ai giovani allievi
funzionari del 111° corso per Commissari, del 14° corso per commissari tecnici e del 16°
corso per medici della Polizia di Stato con l’augurio di fare tesoro di questo periodo per
diventare comunità con legami che li accompagneranno per tutta la vita nel prodigarsi per
un’Amministrazione che offre molto ma esige dedizione e spirito di servizio.

Nel sottolineare la validità e l’attualità del modello di sicurezza che la riforma ha
introdotto, ha sottolineato la capacità di ascolto delle donne ed uomini dell’Istituzione
riconfermando che essi la nostra maggiore ricchezza, il ministro Piantedosi ha saputo, da
interprete raffinato ed autorevole qual è, tracciare in modo esemplare il perimetro delle
competenze dell’attività di polizia per le sfide future che richiedono, ormai, non più e non
soltanto tattica ma, soprattutto pianificazione strategica e rafforzamento della capacità di
leggere le trasformazioni della nostra società prevendo i possibili rischi che i cambiamenti
portano.

Così in una nota Felice ROMANO, Segretario Generale del SIULP commenta
l’intervento del Ministro Piantedosi all’inaugurazione dell’anno accademico dell’Istituto
Superiore di Polizia.

L’analisi puntuale emersa dall’intervento del Ministro, sottolinea Romano, ha evidenziato
come la nostra Istituzione sia interessata trasversalmente dai temi delle nuove tecnologie
e da quelli connessi allo sviluppo economico e sociali, senza mai dimenticare i temi
tradizionali, che caratterizzano le strategie da dispiegare nell’assicurare la mission
istituzionale.

Fondamentale, in tal senso, il passaggio relativo alla costante e crescente testimonianza
fornita dalla Polizia di Stato nella ricerca continua di “equilibrio e moderazione” quali
elementi primari per la gestione della coesione sociale che l’ha resa, con orgoglio, un
riferimento morale e valoriale per affrontare la domanda di sicurezza che oggi si riespande
in settori che riguardano anche l’esigenza di curare la paura, non sempre legata
all’andamento criminale ma anche a causa del degrado di ambienti urbani.

Su questi temi, conclude Romano, siamo pronti a confrontarci con il Ministro per
migliorare la sicurezza del Paese e i diritti dei poliziotti facendo propria l’affermazione
del compianto Prefetto Carlo Mosca, ovvero che ‘la sicurezza è un diritto di libertà…
spesso si dimentica’, che il Ministro ha citato nelle sue conclusioni.

Roma, 27 ottobre 2022

Advertisement