Rimodulazione utilizzo dispositivi di protezione delle vie respiratorie – D.L N.24 – 24-03-2022

917
N. 555/I-DOC/Area I/C/DIPPS/FUN/CTR/1647-22
Decreto legge n. 24 del 24 marzo 2022 – disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da covid-19, in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza

Di seguito e a parziale rettifica della circolare n. 555/I-DOC/Area L/C/DIPPS/FUN/CTR/5619-21 del 3 dicembre 2021, si rappresenta che, in data 25 marzo u.s., è entrato in vigore il Decreto Legge n° 24 del 24 marzo 2022 — recante “Disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da COVID-19, in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza”.

Il provvedimento, a decorrere dal 1° aprile p.v. e fino al 30 aprile p.v., rimodula la disciplina relativa all’obbligo dell’utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie, rideterminando, altresì, i settori e le attività ove è previsto l’obbligo di esibizione del green pass base e di quello “rafforzato”;

Ciò premesso, sussistendo ancora la necessità di verificare il rispetto degli obblighi normativi succitati, le SS.LL. avranno cura di assicurare mirati servizi che dovranno essere pianificati in sede di Tavolo Tecnico del Questore anche all’esito di riunioni del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.

Le attività di controllo dovranno essere disciplinate con apposite ordinanze, ai sensi dell’art 37 del D.P.R. n. 782 del 1985, riportanti le modalità e le finalità del servizio e dovranno riguardare, in particolare, i settori e lc attività ancora interessate dagli obblighi relativi all’utilizzo dei dispostivi di protezione delle vie respiratorie cd al possesso delle previste certificazioni verdi.

Particolare attenzione dovrà essere rivolta ai controlli nell’ambito del trasporto pubblico.

Le modalità esecutive dei controlli dovranno tener conto delle peculiarità delle singole realtà territoriali, avendo cura, soprattutto per quanto attiene il settore dei trasporti, di non compromettere le esigenze di fluidità del servizio al fine di evitare possibili assembramenti ed eventuali ricadute sull’ordine pubblico.

Si richiama, altresi, l’attenzione delle Specialità per i controlli che dovranno essere assicurati negli ambiti di competenza.

A tutto il personale, impiegato in via esclusiva per le sopraindicate esigenze, compete il trattamento economico di ordine pubblico.

I Sigg. Questori avranno cura di inoltrare puntualmente alle Prefetture, con cadenza settimanale, l’esito dei controlli per quanto concerne le attività della Polizia di Stato, operante nella provincia, la cui modalità di trasmissione verrà in seguito comunicata.

Si raccomanda la scrupolosa osservanza delle direttive impartite

Advertisement