Al Lavoro il Comitato pari opportunità del Dipartimento della P.S.

318

Ultimo aggiornamento 10/03/2023

Con la circolare n 555/I-DOC/Area I/D/MIN/MFP/-2291-22 del 3 maggio 2022, l’Amministrazione ha precisato e delineato le competenze del Comitato delle Pari Opportunità del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, istituito con decreto del Capo della Polizia del 22 gennaio 1997 con l’obiettivo di realizzare la piena parità fra uomo e donna nel lavoro, attraverso azioni positive volte a rimuovere ostacoli che di fatto potrebbero impedire e limitare le pari opportunità tra uomini e donne.

La circolare, inviata a tutti i dirigenti degli Uffici periferici richiama l’art. 1 del Regolamento Interno del Comitato pe le Pari Opportunità del 28 marzo 2019 il quale prevede:

“il Comitato per le Pari Opportunità del Dipartimento della Pubblica Sicurezza svolge i compiti stabiliti dall’art. 20, comma 1, del DPR 31 luglio 1995, n. 395, secondo le norme del presente regolamento.
In particolare, al fine di promuovere la rimozione dei comportamenti discriminatori per mezzo e ogni altro ostacolo che limiti di fatto la piena realizzazione della parità di trattamento e di uguaglianza di opportunità di lavoro e nel lavoro tra uomini e donne, il Comitato:

advertise
  1. Formula proposte per l’attuazione degli obiettivi della parità e delle pari opportunità;
  2. Adotta iniziative per lo sviluppo e il perfezionamento della legislazione vigente direttamente incidente sulle condizioni di lavoro delle donne;
  3. Verifica lo stato di applicazione della legislazione vigente in materia di parità, acquisisce tutte le informazioni attinenti ai dati statistici utili per la formulazione di proposte e per l’attuazione di iniziative;
  4. Stila, almeno una volta l’anno, una relazione sull’attività svolta che verrà trasmessa alla Segreteria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza a cura del Presidente;
  5. Monitora periodicamente le condizioni oggettive in cui si trovano le lavoratrici in Polizia”.

La circolare dispone, poi, che in considerazione della sempre crescente estensione dell’ambito delle Pari Opportunità, vengano resi periodicamente noti i contenuti delle riunioni delle omonime Commissione paritetiche provinciali, attraverso la trasmissione di copia dei verbali delle riunioni relative dell’anno 2021, al Comitato Nazionale per le pari opportunità.

Advertisement