Bonus 100 euro 2024

6316

Ultimo aggiornamento 15/12/2023

con la Legge di Bilancio è stato confermato per il prossimo anno il trattamento integrativo, noto anche come Bonus 100 euro in busta paga. La misura è conosciuta anche con altri nomi, come bonus Irpef o ex Bonus Renzi. A usufruirne sono i lavoratori dipendenti con redditi che non superano i 28mila euro annui.

Il trattamento integrativo da 100 euro 2024 si rivolge a diverse categorie, e non solo ai dipendenti pubblici e privati. Sono esclusi i contribuenti incapienti, cioè chi ha un reddito imponibile lordo che rientra nella no tax area e i pensionati. Escluso anche chi è titolare di redditi professionali e chi ha partita Iva.

Sono inclusi tra i beneficiari:

  • disoccupati (sia quelli in regime di indennità NASpI, sia quelli in regime Dis-Coll);
  • collaboratori inquadrati con contratto co.co.co;
  • persone in cassa integrazione;
  • soci lavoratori di cooperative;
  • sacerdoti;
  • lavoratori socialmente utili;
  • lavoratrici in maternità per congedo obbligatorio;
  • lavoratori in congedo di paternità;
  • stagisti;
  • tirocinanti;
  • borsisti;
  • percettori di assegno di ricerca o di borsa di studio.

I limiti di reddito per accedere al Bonus 100 Euro rimangono invariati, ma è essenziale comprendere le nuove regole introdotte dalla Legge di Bilancio. Per i lavoratori dipendenti con redditi fino a 15.000 euro annui, che ricevono il trattamento integrativo pieno (quindi 100 euro mensili), il bonus è confermato a 1.200 euro l’anno a patto che l’imposta lorda da versare sia superiore alle detrazioni spettanti a cui è necessario sottrarre un importo pari a 75 euro. La modifica nel calcolo è stata necessaria a causa dell’aumento delle detrazioni da lavoro dipendente a 1.955 euro, che ha innalzato la no tax area a 8.500 euro per questi lavoratori. Sottraendo i 75 euro dalle detrazioni che spettano nel 2024 (1.955 euro) si garantisce il bonus di 100 euro a tutti coloro che hanno un reddito da 8.174 euro annui fino a 15.000 euro. Grazie a questo passaggio, quindi, non cambia nulla.

I lavoratori con reddito fino a 28mila euro avranno diritto al bonus solo se la somma delle detrazioni fiscali spettanti supera l’imposta lorda dovuta. Quindi anche qui tutto viene confermato. Essi continueranno a beneficiare del bonus in busta paga per un importo massimo di 1200 euro l’anno (che ovviamente potrà essere ridotto).

Advertisement